Intervento anti tarlo

Analisi dei danni

La presenza del tarlo viene denunciata da piccoli cumuli di polvere che improvvisamente fanno la loro comparsa sul pavimento sotto al mobile o all’interno di questo.  Se diamo un’occhiata nella presumibile direzione dove possiamo aspettarci il foro, non tarderemo a scoprirlo.
I fori di uscita degli insetti xilofagi sono molto evidenti: quelli recenti hanno il profilo chiaro in quanto sono stati praticati da poco. Se vediamo fori dal profilo scuro, o parzialmente chiusi da cera, possiamo considerarli tranquillamente fori praticati da un passaggio di qualche tarlo lontano nel tempo, ma non per questo devono essere trascurati. I danni che il tarlo può causare, vanno da pochi forellini sparsi qua e la senza pregiudicare  la stabilità del mobile, a vere e proprie asportazioni di materiale che può portare allo sgretolamento  di intere parti.

A volte l’insetto costruisce la propria galleria appena al di sotto della superficie al punto da rendere fragilissimo il sottile strato  che la separa dall’esterno (danni di questo tipo sono prodotti dall’Anobium Punctatum o tarlo dei Mobili e dal capricorno delle case). In questi casi occorre fare molta attenzione a operare con carta abrasiva poiché si corre il rischio di asportare questa leggera pellicola lasciando scoperta una  irrecuperabile antiestetica galleria. Questa è detta per l’appunto “tarlo lungo” , la quale diventa anche un segnale di allarme per manomissioni non dichiarate. Infatti, nel mondo dei falsi, spesso con materiale di recupero si fanno mobili che poi vengono spacciati per autentici. L’adattamento del legno ai nuovi mobili, porta spesso a scoprire le gallerie di tarli più o meno profonde . La loro presenza deve indurci per lo meno ad essere sospettosi di fronte ad un presunto mobile autentico. Con chi ce lo propone, è meglio esporre il dubbio e farci spiegare come lui giustifica la presenza del tarlo lungo. Sicuramente, se non si tratta di una manomissione, certamente c’è stato un tentativo di restauro per lo meno incauto.

Condividi i nostri post